La guida facile sulle controindicazioni delle faccette: dolore, sensibilità, rischi e altro

Clicca per approfondire i capitoli

La guida facile sugli effetti collaterali delle faccette: dolore, sensibilità, rischi e altro

Capitolo 4

Benvenuti al quarto capitolo della nostra guida all’apprendimento sulle faccette dentali. In questo capitolo, parleremo degli effetti collaterali che potrebbero manifestarsi dopo l’applicazione delle faccette dentali. Quindi, se sei interessato/a a questo argomento, ti trovi al punto giusto.

Per quanto riguarda le controindicazioni delle faccette, è importante capire che tutte le procedure hanno alcuni effetti collaterali, quindi le faccette non sono di certo un’eccezione. In questo caso, comunque, sono poche e facilmente evitabili o curabili. Ma è importante, per il paziente, esserne a conoscenza prima di sottoporsi al trattamento.

Alla fine di quest’articolo, saprai tutto ciò che ti serve sui rischi che comportano le faccette dentali e su come gestirli. In più, imparerai a riconoscere queste problematiche e saprai quando chiedere il parere del tuo medico.

Quali sono le controindicazioni più comuni delle faccette dentali?

Come in ogni procedura dentale, anche nel caso delle faccette potrebbero sorgere problematiche; quindi è necessario andare a ricercarle e spiegarle.

I principali effetti collaterali delle faccette dentali sono:

  • Problemi di accostamento del colore
  • Sensibilità a caldo e freddo
  • Infiammazione del tessuto gengivale
  • Trauma del dente e decomposizione della polpa
  • Applicazione errata
  • Possibile carie dentaria
  • Reazione allergica all’anestesia

Quindi, andiamo ad analizzare gli effetti collaterali uno ad uno.

effetti collaterali faccette dentali, problemi alle faccette dentali.

Problemi di accostamento del colore

In alcuni casi, c’è la possibilità che i denti non si abbinino perfettamente e completamente ai denti adiacenti. I tuoi denti potrebbero essere più scuri rispetto alle faccette. Oppure i denti adiacenti alle faccette potrebbero essere scoloriti. In altri casi, le lamine sono macchiate o scolorite intorno ai bordi.

Questo problema è causato dall’eccessiva idratazione durante la sigillatura delle faccette. Di solito, questo problema è provocato da mani inesperte. Comunque, queste irregolarità del colore sono molto rare e facilmente evitabili da un dottore esperto.

Sensibilità a caldo e freddo

In questo tipo di odontoiatria estetica, la rimozione dello smalto potrebbe causare sensibilità dentale. Lo smalto è il materiale più duro del corpo umano e protegge i denti dagli agenti esterni e da possibile sensibilità.

Ciò significa che potresti provare sensibilità ai denti quando mangi o bevi cibi e bevande estremamente caldi o freddi. Questo è uno degli effetti collaterali più comuni delle faccette dentali ad uso cosmetico. Ma è anche facilmente risolvibile.

È sufficiente evitare cibi o bevande troppo caldi o freddi e non avrai alcun dolore ai denti. In più, anche il dentifricio per i denti sensibili potrebbe essere un valido aiuto. Puoi consultare il tuo dottore per sapere qual è l’opzione giusta per te.

Infiammazione del tessuto gengivale

Le gengive potrebbero leggermente irritarsi, in quanto ti dovrai abituare ai tuoi nuovi denti e morso. L’abituarsi potrebbe, appunto, richiedere tempo e causare disagio ed irritazione alle gengive. Nel caso in cui il dolore persiste, è necessario effettuare un controllo in quanto non è un normale effetto collaterale post-procedurale.

Il dentista, così, prescriverà un farmaco per alleviare il fastidio. Se il problema persiste anche dopo una settimana dal trattamento, dovresti contattare il tuo dentista per una visita di controllo.

Talvolta, se il dentista utilizza troppo cemento per fissare le faccette, potrebbero infiammarsi finchè la situazione non verrà risolta. Dovrai sottoporti ad una procedura di revisione. Il dentista rimuoverà le faccette, applicherà una quantità adeguata di cemento, per poi fissarle nuovamente. Se non dai molta importanza a questo problema, l’infiammazione si trasformerà in infezione e si propagherà.

Trauma del dente e decomposizione della polpa

Talvolta, le cose non vanno come pianificate. Ecco perchè devi sempre informarti, attraverso il tuo dentista e scegliere la miglior opzione disponibile per te. Una procedura errata potrebbe causare un indebolimento e, quindi, trauma dei denti. Cosa significa esattamente? Significa che i tuoi denti potrebbero diventare più sensibile e che la polpa all’interno si decompone.

Questo succede quando il dentista rimuove troppo smalto dai denti.

La decomposizione della polpa si nota con sintomi, tipo; cambiamento del colore e dolore, cattivo odore e, talvolta, compaiono brufoli sulle gengive. Questo processo infiammatorio ferma la circolazione del sangue, per cui il nervo non può nutrirsi e porta alla “morte” della polpa ed, infine, del dente stesso.

Applicazione errata

Durante l’applicazione delle faccette, potrebbero sorgere problemi riguardanti il posizionamento. Il tutto potrebbe, poi, causare dolore o irritazione alle gengive; anche il posizionamento errato è uno degli effetti collaterali delle faccette dentali. In caso di contatto tra i bordi delle faccette e quelli del morso, vi è il rischio di rottura delle lamine. Al contrario, se si rimuove troppo poco smalto, il dente risulterà, poi, più spesso. Le faccette sono un lavoro di estrema precisione, quindi, se vuoi evitare problemi, è fondamentale che tu scelga un dentista con molta esperienza e precisione.

Reazione allergica all’anestesia

Una reazione allergica all’anestesia è molto difficile ma non impossibile. Durante una reazione allergica, potrebbero manifestarsi: mancanza d’aria, rigonfiamento della lingua, eruzioni cutanee, orticarie, prurito alla pelle e tosse.

Ecco perchè è estremamente importante parlare con il dottore di qualsiasi problema di salute o allergia tu abbia, prima di sottoporti all’esaminazione della bocca. Il dottore sa come reagire e come controllare una situazione d’allergia, che comunque è sempre meglio evitare.

Le faccette fanno male?

Per quanto riguarda gli effetti collaterali e i rischi che comportano le faccette dentali, è necessario anche rispondere alla domanda “le faccette fanno male?”. Questa è una delle maggiori paure per quanto riguarda i trattamenti dentali in generale (e di certo le faccette non sono un’eccezione).

Ci sono 3 possibili momenti in cui potresti provare dolore durante l’intero processo: il primo appuntamento, il secondo e il post-procedura.

Potresti provare disagio e dolore tra il primo ed il secondo appuntamento a causa delle tue faccette temporanee e del periodo di adeguazione.

Allo stesso modo, potresti provare disagio e dolore dopo la procedura, sempre a causa del periodo di adeguamento.

Si prova dolore durante il primo appuntamento?

Per quanto riguarda il dolore che si prova durante l’intero trattamento delle faccette dentali, è possibile confermare che la causa principale è proprio il primo passo di tutto il percorso, ovvero la rimozione dello smalto dentale.

Siccome la rimozione dello strato superiore dello smalto dentale avviene attraverso l’utilizzo della fresa dentale, il dentista effettuerà una leggera anestesia locale, iniettandola nelle gengive della mascella superiore ed inferiore ed evitando, così, che il paziente provi dolore. L’iniezione, solitamente, causa un leggero fastidio, non rilevante. In caso di dolore o disagio, il paziente può assumere farmaci da banco quali paracetamolo o ibuprofene.

Si prova dolore durante la seconda visita?

Durante questa procedura, il dentista utilizzerà un’attrezzatura a punta per togliere le faccette temporanee ed applicherà quelle definitive utilizzando un adesivo specifico per “incollarle” in modo sicuro. Il paziente potrebbe provare ansia, quindi, al solo pensiero di essere sottoposti a dolore o disagio. Alcuni dentisti preferiscono utilizzare l’anestesia locale anche in questo passaggio, per evitare che i pazienti, soprattutto quelli con denti sensibili, provino disagio.

Al termine di questa visita, assicurati di effetuarne anche una di controllo, così il tuo dentista potrà verificare lo stato delle tue faccette e della salute dentale in generale.

Si prova dolore dopo l’intera procedura?

Di solito, dopo l’intera procedura si prova un leggero senso di fastidio, in quanto ti dovrai abituare alle faccette. Il dolore dipenderà anche da quante faccette ti verranno applicate. Nel caso dovessi applicare solo una o un paio di faccette, il dolore sarà minimo o, addirittura, assente.

Invece, se applicherai le faccette, ad esempio, su tutta l’arcata superiore, potresti provare più dolore. Comunque, non deve durare più di due giorni e, soprattutto, si allevia gradualmente, permettendoti di abituarti ai tuoi nuovi denti e al morso.

Dolore con l’applicazione delle faccette temporanee

Durante questo periodo, è importante ricordare che i tuoi denti saranno più sensibili agli agenti esterni, in quanto viene rimosso una delle barriere (lo smalto) tra i nervi dentali e gli agenti stessi.

Ovviamente, il livello di dolore o disagio dipende dal livello di sensibilità e di esperienza individuale, ma comunque è normale avere un senso di fastidio durante, appunto, l’attesa delle faccette definitive.

Le faccette causano sensibilità ai denti?

Generalmente, si crede che le faccette in porcellana o composito provochino sensibilità ai denti in tutti i pazienti, ma non è così. A causa, appunto, della fase di preparazione dei denti nella procedura delle faccette. In alcuni pazienti, le faccette agiscono da protezione per denti danneggiati o scheggiati. Quindi, se i tuoi denti risulteranno più sensibili dopo l’applicazione delle faccette, devi capire che è una cosa temporanea e devi attendere la fase definitiva. Solitamente, il dolore svanisce da sè entro una settimana.

Ci sono effetti collaterali a lungo termine?

No, se la procedura viene effettuata correttamente, non ci saranno effetti collaterali a causa delle faccette dentali.

Alothman Y, Bamasoud MS. The Success of Dental Veneers According To Preparation Design and Material Type. Open Access Maced J Med Sci. 2018;6(12):2402-2408. Published 2018 Dec 14. doi:10.3889/oamjms.2018.353

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

× How can I help you?